Acquisizione di beni strumentali – Scelta - Agevolazioni – Beni materiali 4.0

16 gennaio 2021

 1 – L’acquisto di un bene strumentale va prioritariamente valutato specificatamente con criteri non fiscali ( se necessario, se ottimizza il lavoro, se si ripaga con maggiore fatturato,  se sostituisce un bene obsoleto,  o un bene che necessità di manutenzioni elevate e che può guastarsi interrompendo la produzione, se si acquisisce un bene o un impianto che permette all’impresa di intraprendere nuove produzioni  e di differenziarsi per avere più alternative di mercato,  se… ecc.. )

 2 – una volta che si è scelto di acquistare un determinato bene si deve  cercare di ottimizzare  vari aspetti:  1) scelta bene tra più fornitori; 2) scelta forma di acquisizione bene ( proprietà, leasing, noleggio ).

Per i beni acquistati in proprietà la forma di finanziamento ( con fondi propri, finanziato dal fornitore,  dalla banca ecc … , in base alla situazione finanziaria dell’azienda )

 3 – In queste valutazioni, per i beni da acquisire in proprietà o leasing incidono i provvedimenti che agevolano l’impresa ( sia fiscali che finanziari ), quali riconoscimento di maggiori ammortamenti,  di finanziamenti a tasso zero, di contributi in conto capitale, in conto interessi.

4 – L’attuale previsione di un credito d’imposta ( art.  1, commi 1051-1063, L. 178/2020 ) sui cosiddetti “Beni materiali 4.0” ( investimenti effettuati dal 16.11.2020 al 31.12.2021 ) concede  un credito d’imposta del 50 % e utilizzo di detto credito in tre  rate annuali;

  5 – Il credito d’imposta va considerato di conseguenza un contributo in conto capitale a riduzione del costo del bene, che, nel caso di beni 4.0,  si traduce di fatto in uno sconto del 50 % sul costo del bene, che andrà finanziato completamente  all’atto dell’acquisto ( o leasing ), ma di cui si potrà fruire, a partire dal 01.01 dell’anno successivo dell’anno in cui ha effetto l’investimento, in tre rate annuali;

 5 – Il credito d’imposta va considerato di conseguenza un contributo in conto capitale a riduzione del costo del bene, che, nel caso di beni 4.0 si traduce di fatto in uno sconto del 50 % sul costo dello stesso, che andrà finanziato completamente  all’atto dell’acquisto ( o leasing ), ma ritornerà, a partire dal 01.01 dell'anno successivo a quello in cui ha effetto l’investimento, in tre quote annuali.

 6 - Si ricorda che,   fatte salve alcune esclusioni, sono agevolabili esclusivamente i beni strumentali nuovi di fabbrica, interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura ed annoverati nell’Allegato A (beni materiali) o nell’Allegato B (software e beni immateriali) alla legge n. 232/2016

 7 – Sono agevolabili con credito d’imposta del 10,00  % i beni strumentali nuovi di fabbrica, diversi non interconnessi, pertanto per questi beni lo “sconto” è del 10 % ed è recuperabile dal 1 gennaio dell’anno successivo a quello di effettuazione dell’investimento in un unico anno ( per imprese con ricavi non superiori a 5 ML ).

 8 – I beni interconnessi e rientranti negli Allegati A ( materiali ) e B ( immateriali ) richiedono una specifica certificazione, ( perizia asseverata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato).

 

Come sempre il nostro studio è a disposizione per la valutazione delle specifiche problematiche delle imprese.

 

 

Studio Aiassa - Dottori Commercialisti

 Francesca,  Alessandro,  Gian Carlo  Aiassa 

 

Archivio news

 

News dello studio

gen4

04/01/2022

IN BREVE LE PRIME NOVITÀ 2022

   1)      E’ stata approvata la legge di bilancio 2022, l. 30 dicembre 2021 n. 234, pubblicata il 31 dicembre 2021 sulla Gazzetta Ufficiale e in vigore dal

dic23

23/12/2021

CIRCOLARE CONCLUSIVA 2021- NOVITA’ RILEVANTI PER L’ANNO 2022

NOVITA’ RILEVANTI PER L’ANNO 2022 1) Dal 1° gennaio il limite all’uso dei contanti si abbassa a 999,99euro.Si ricorda che una transazione, anche tra parenti, in contanti per un

dic17

17/12/2021

FESTIVITA' NATALIZIE 2021 CHIUSURA UFFICI

  Gli uffici saranno chiusi dal 24 dicembre 2021 sino al 7 di gennaio 2022 e riapriranno il 10 gennaio 2022. Si porge a tutta la clientela e alle loro famiglie un Augurio di salute e serenità. Titolari

News

gen10

10/01/2022

Società di capitali: le operazioni di chiusura del bilancio 2021

L’Accademia Romana di Ragioneria ha pubblicato

gen25

25/01/2022

Novità lavoro 2022: l'esame dei Consulenti del lavoro al Forum lavoro fiscale

La circolare n. 4 del 2022, pubblicata