CORREZIONE DI FATTURE ELETTRONICHE. IL RISCHIO DELLA NOTA DI CREDITO ELETTRONICA.

20 marzo 2019

Un problema riscontrato dopo i primi approcci con la clientela sull’emissione della fatturazione elettronica:

 --> Cosa comporta l’emissione di una fattura elettronica errata nel suo contenuto ?

 

Il problema si crea perché nel cartaceo vi era possibilità di sostituire da entrambe le parti la fattura prima della registrazione ( e a volte dopo).

Dobbiamo a nostro parere distinguere subito due situazioni, partendo però dal dettato dell’art. 21 DPR 633/72, secondo comma.

Questa norma prevede che la fattura contenga, in estrema sintesi,  ( per il testo completo potete cliccare su questo collegamento:

http://def.finanze.it/DocTribFrontend/getAttoNormativoDetail.do?ACTION=getArticolo&id={75A4827C-3766-4ECC-9C45-00C8D6CDC552}&codiceOrdinamento=200002100000000&articolo=Articolo%2021 )

 le seguenti indicazioni obbligatorie:

A) data di emissione ( con specifica della data di effettuazione dell’operazione se diversa),  numero progressivo, dati del  soggetto cedente o prestatore con numero di partita IVA  ( emittente ), dati del  soggetto cessionario o committente con numero di partita IVA  ( destinatario ), corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compresi quelli relativi ai beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono di cui all'articolo 15, primo comma, n. 2, corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono, aliquota, ammontare dell'imposta e dell'imponibile con arrotondamento al centesimo di euro;

E’ poi previsto che la fattura contenga il titolo di non applicazione dell’IVA su vari importi, quali: esenti (art. 10 ), esclusi dalla base imponibile ( art. 15 ), operazioni “estere” ( art. 8, 9 ecc..  ).. e altri.

Ma inoltre e soprattutto:

B) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione.

 

            Detto questo, una volta che la fattura ( elettronica ) è stata recapitata all’SDI e risulta definitiva:  non è più correggibile, o lo è ??

 

            Si ritiene che se la fattura riporta in modo errato i primi elementi, quelli della lettera A) la fattura debba essere o annullata o rettificata con emissione di nota di credito elettronica totale o parziale e/o emissione di nuova fattura.

 

            Viceversa, come prospettato da clienti, se l’errore riguarda ( punto B)  la:      
natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione, dobbiamo fare un distinguo.

 

Se l’errore è determinante per il computo del corrispettivo e/o per la individuazione della natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione, siamo nella necessità di ripetere il tutto come sopra indicato.

 

E’ il caso per esempio della fattura di vendita che descrive prodotti sbagliati e prezzi sbagliati.

Ma nel caso ad esempio di vendita di  beni con prezzo corretto ma descrizione non corretta, con  indicazione errata di una caratteristica di un prodotto ( colore, lotto, ecc… ) o di un servizio ( giorno , luogo… )  non determinante per la definizione del prezzo (corrispettivo),  non è detto che si debba ripartire e ripetere il tutto.

 

Una regola univoca non vi è, ma ci sentiamo di affermare che ogni qual volta l’errore:

 

1)     non determina il mancato rispetto dei requisiti del punto A)

2)   non altera significativamente la descrizione di cui al punto B)

la possibilità, a nostro parere,  è quella di inviare una mail (PEC meglio ) di correzione del contenuto, con riferimento agli estremi della Fattura Elettronica emessa e specifica della correzione da considerare, eventualmente sottolineando che “la correzione non determina una modifica della fattura ai sensi art.21 DPR 633/72”.

Copia delle mail saranno conservate dalle parti per la loro gestione e in caso di controllo.   

In caso di dubbi  non esitate a contattarci che potremo fornire esempi più puntuali.

     

 

_______________________________

 

Studio Professionale Aiassa

Dottori Commercialisti

G.A. / F.A. / A.A

Archivio news

 

News dello studio

set10

10/09/2019

MANOVRA 2020 CAOS 2019

MANOVRA 2020 CAOS 2019

NOVITÀ  della MANOVRA 2020: MANCATA SEMPLIFICAZIONE FISCALE NOTE DELLO STUDIO SUL CAOS 2019 Il neo-Governo ha già abbozzato una proposta di manovra di bilancio per il 2020,

set6

06/09/2019

RICHIESTA RINVIO ISA

RICHIESTA RINVIO ISA

RIPORTIAMO L'INTERO COMUNICATO STAMPA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI COMUNICATO STAMPA DEL 3 SETTEMBRE 2019ISA, COMMERCIALISTI: “NON CONVINCE IL NO DEL MEF ALLA FACOLTATIVITA’”Miani:

ago13

13/08/2019

NUOVI CONTROLLI FINANZIARI

NUOVI CONTROLLI FINANZIARI

La presente circolare pone all’attenzione della clientela  un nuovo rischio di controllo derivante da segnalazioni finanziarie che le  Banche, le Poste Italiane SpA, gli Istituti di moneta

News

set16

16/09/2019

Revisore Legale: in arrivo corsi gratuiti e facilmente fruibili

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento

set18

18/09/2019

Sciopero commercialisti: dal 2015 oltre 50 adempimenti in più

Dal 2015 ad oggi si contano oltre 50 adempimenti

set18

18/09/2019

Contratto di lavoro a termine: quando la deroga assistita non è ammessa

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro è intervenuto